deutsch


Sistema automatico per l'analisi di filtri:
Pulizia tecnica, Processo di misurazione, Riconoscimento di metallo e non metallo, Risultati e rapporti , Impurità di olio,

JOMESA MAT3: Purezza dell'olio




Non e possibile definire la purezza di Oli moderni per motori, trasmissioni e cambi con il metodo del conteggio d'estinzione otico. I additivi in questi fluidi influenzano il risultato del conteggio.

Pertanto definire la purezza di questi oli e solo possibile via valutazione microscopica di membrane filtranti.


Lo standard vecchio 4406/4407 non a normative particolari per quanto riguarda il metodo microscopico, l'apparecchiatura e il processo di lavorazione.

Non e sorprendente che i risultati di misurazioni di diversi laboratori mostrano grandi deviazioni.

Per migliorare e terminare questa circostanza inaccettabile e stato fondato il 2009 un gruppo lavorativo. Costituito da fabbricanti di automobili, produttori di Olio e costruttori di apparecchi di misurazione con l'intenzione di stabilire uno standard di purezza di olio nuovo.

Dall'inizio JOMESA fa parte di questo gruppo lavorativo. Con una partecipazione attiva.


Il risultato di questo gruppo lavorativo e la nuova normativa DIN.- prodotti di oli fluidi minerali – definizione di numerosità e dimensione di particelle contenuti in olio







Lo standard della DIN 51455 e stato creato per precisare il modo di procedere del l'analisi e le pretese d'attrezzatura.

In particolare chi sono regole precise per il diametro d'analisi, l'impostazione della luminosità e il valore di soglia. Analisi in conformità a lo standard DIN 51455 sono molto paragonabile.


Il JOMESA MAT3 e completamente conforme a questi requisiti.

In oltre seguenti caratteristiche contrassegnano il JOMESA MAT3:


Conteggio di particelle partendo da 2µm

Questo avviene con una telecamera a colore e una vera risoluzione di 0,4 µm/pxl.

Messa a fuoco automatica (Software Auto-fuoco)

Questo metodo e stato applicato per primo da JOMESA sul analisi di filtri a membrana.

Con questo viene garantito che tutti singoli campi visivi sono ripresi a fuoco massimo. Questo metodo e superiore in confronto una approssimazione di area via punti di appoggio predefiniti.

Porta filtro- drumstretch

Questo attrezzo usato esclusivamente da JOMESA tende la membrana come una membrana timpanica.

Nonostante che il sistema assistito solo con il Auto-fuoco e in grado a scansionare anche filtri ondulati. A tuttavia la tempistica della scansione con il filtro in tensione si accorcia considerevolmente. Con un filtro teso il numero delle messe a fuoco necessarie si diminuisce.

Regolamento automatico del illuminazione basato su istogramma (USB interfaccia).

Lo sfondo del filtro viene definito come il valore massimo del istogramma di luminosità. Il JOMESA controllore di luminosità regola la intensità della luce a riferimento sul massimo del istogramma.

Questo metodo e molto vantaggioso in confronto un regolamento di luce basato su la telecamera (shutter), perché la telecamera nel tempo del esposizione conteggia anche le particelle sul lo sfondo.

Campione di particelle in conformità DIN 51455

La 51455 e una delle prime normative che prescrive quale facoltà obiettiva deve avere l'apparecchiatura.

Per verificare l'abilita dello strumento si esegue la misurazione di un campione con particelle predefinite. Questo Campione di particelle JOMESA corrisponde alle specifiche richieste. Il Campione JOMESA viene consegnato con un certificato per garantire la riconducibilità sul lo standard nazionale.